“Emergenza Umanitaria”: Progetto di prima accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale. La Caritas Diocesana di Foligno svolge un servizio di accoglienza nella tutela e nell’accompagnamento dei migranti che giungono sul territorio italiano in fuga da guerre, fame, disastri ambientali, persecuzioni politiche e religiose.  La Caritas in convenzione con la Prefettura di Perugia, ha accolto 40 cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale provenienti soprattutto dai paesi dell’Africa Sub-sahariana. Nel 2016 ha accolto cittadini stranieri provenienti per la maggior parte dal Gambia, dalla Nigeria, dalla Costa D’avorio, dal Senegal e dal Mali.

“SPRAR” (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati). Istituito dal Ministero dell’Interno Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione,  è un sistema di accoglienza costituito dalla rete degli Enti locali e le realtà del terzo settore che si occupano della gestione dei progetti di “accoglienza integrata” rivolti ai richiedenti ed ai titolari di protezione internazionale. Nel 2016 la Caritas Diocesana di Foligno ha accolto 13 persone  tra richiedenti asilo e titolari di protezione  internazionale, provenienti da vari paesi quali Egitto, Ucraina e Gambia, Nigeria. Ogni beneficiario viene seguito da un’equipe multidisciplinare ed accompagnato con un progetto educativo personalizzato  nel suo percorso di integrazione nel territorio folignate.

“Protetto-Rifugiato a casa mia”. In risposta all’appello lanciato da Papa Francesco il 6 settembre 2015, la Caritas Diocesana di Foligno aderisce al progetto di Caritas Italiana  “ Protetto-Rifugiato a casa mia”, al fine di sperimentare una forma di accoglienza diffusa in famiglia, in parrocchie o in istituti religiosi che vorranno aprirsi all’accoglienza.

“Il Telaio”. E’ un progetto a favore di famiglie italiane in difficoltà, attraverso l’accompagnamento e tutoraggio dei profughi e migranti per l’integrazione e l’inserimento nella comunità locale.