IMG_20140303_182758(dalla Gazzetta di Foligno del 9/03/2014 a cura della Caritas diocesana Foligno)
 

“Come è fatta la Carità?” – chiedo ai bambini che affollano il Doposcuola porgendo un foglio di carta e i colori. Ci pensano su, insospettiti dalla domanda un po’ inconsueta. Che strani questi grandi. Inizia la gara al disegno.

A pensarci bene, però, il problema è reale: “la Carità è paziente, è benigna, non si adira, non si gonfia, non cerca il proprio interesse”, ma quali siano le sue vesti di tutti i giorni San Paolo proprio non ce lo dice.

Una bambina mi mostra orgogliosa il suo disegno, che guardo con tenerezza. Mi viene un ricordo, quello di Giovanni Paolo II che in occasione del Giubileo esortava all’esercizio di una “fantasia della Carità”. Il disegno mi aiuta: questo esercizio è proprio quanto ci chiede la Chiesa anche per questa Quaresima. Che ciascuno disegni, nel proprio quotidiano, come è fatta la Carità. Ciascuno tracci il suo progetto, con i suoi colori.

Ai grandi che lamenteranno la mancanza di fantasia ecco pronti due fogli di lavoro. Il primo è quello offerto da Papa Francesco con la campagna “Una sola famiglia umana, cibo per tutti”. “Smettere di pensare” – ci dice il Papa – “che le nostre azioni quotidiane non hanno un impatto sulle vite di chi soffre la fame” è nostro dovere. Sciogliendo la domanda iniziale, la Carità assume qui le vesti di chi cercherà di ridurre gli sprechi di cibo in famiglia e di educarsi ad un consumo consapevole.

Il secondo foglio di lavoro è quello offerto invece dal sussidio quaresimale della nostra Diocesi: per ogni settimana un’opportunità per disegnare la Carità insieme alla Caritas. Ecco allora i cinque colori quaresimali: regalare un’ora al volontariato; adottare una famiglia del territorio; regalare un’ora ad un anziano; aiutare le famiglie in crisi a fare la spesa sostenendo l’Emporio della Solidarietà; guardare ai poveri con il salvadanaio della Carità; regalare un rametto di ulivo benedetto a chi è lontano. Ognuno aggiunga le sue sfumature – San Paolo certamente concorde. Buon disegno a tutti.

Disegnare la Carità