Don’t give up: il 30-31 maggio tra Terra dei Fuochi e musica

Green Book Brochure.OK x STAMPA.NO.COMUNE.inddPresentata il 23 maggio presso la Biblioteca multiculturale “Mandela”, la due giorni del 30-31 maggio si preannuncia come un appuntamento unico nel suo genere, un mix di informazione, beneficenza e musica. Ad aprire le danze il 30 maggio sarà la giornata scientifica “Terra dei Fuochi: lo smaltimento illegale di rifiuti in Italia. Dai guadagni illeciti ai danni alla salute” con un ventaglio di ospiti e analisti autorevoli. Dalle ore 15 presso l’Auditorium S. Domenico di Foligno (Sala piccola) si susseguiranno le voci di Toni Mira (caporedattore di Avvenire, da anni  impegnato nelle inchieste sulle eco-mafie); Sonia Mondin (presidente Nazionale del MASCI, attiva da anni con progetti sulla salvaguardia del territorio); Marco Cristofori (epidemiologo USL Umbria2) e Mauro Brugia (oncologo USL Umbria2), coronate dal dibattito-tavola rotonda coordinato da Daria Massi (responsabile Mondialità – Caritas diocesana Foligno).

Il programma non si arresta tuttavia ad una mera analisi di una tematica di attualità – quale quella delle eco-mafie e delle malattie da esse derivanti – ma si caratterizza per la sua originalità traducendo il tema in musica, con uno slogan che ben si sposa con la lotta alla mafia e la lotta alla malattia, “Don’t give up” (in italiano, “non mollare”), che riecheggia il titolo di una nota canzone di Peter Gabriel e Kate Bush. E’ così che il 31 maggio, alle ore 21, l’Auditorium sarà cornice di un concerto-spettacolo sui generis ideato da Tullio Coccoli con il coordinamento musicale di Leonardo Grandoni e la regia di Alessandro Bocci. Un racconto musicato di ciò che si vive nella scoperta della malattia in tutti i suoi stadi. Lo spettacolo, rigorosamente live, si servirà dei grandi classici del rock per accompagnare lo spettatore in un viaggio che vedrà come protagonisti, oltre ai ben noti Oskuri Figuri, i friends come Leonardo Grandoni, Renoire Bellucci e Katiuscia Mercuri.                                                           Per chiudere il cerchio, l’incasso dello spettacolo sarà interamente devoluto a Donne Insieme ONLUS di Foligno, associazione che da anni lavora per il sostegno fisico e psicologico alle donne colpite da tumore al seno.

Da ultimo, il programma merita certamente un plauso per aver messo insieme diverse associazioni del territorio che hanno collaborato come organizzatori per una lotta comune: Donne Insieme ONLUS di Foligno, Libera di Foligno, MASCI (Movimento Scout Adulti Cattolici Italiani) e Caritas Diocesana di Foligno, con il patrocinio dell’USL Umbria 2. “Don’t give up”, non molliamo.

Di seguito, il programma.

Bro2

In this proud land we grew up strong
we were wanted all along
I was taught to fight, taught to win
I never thought I could fail. No fight left or so it seems
I am a man whose dreams have all deserted
I’ve changed my face, I’ve changed my name
but no one wants you when you losedon’t give up
‘cos you have friends
don’t give up
you’re not beaten yet
don’t give up
I know you can make it goodthough I saw it all around
never thought I could be affected
thought that we’d be the last to go
it is so strange the way things turndrove the night toward my home
the place that I was born, on the lakeside
as daylight broke, I saw the earth
the trees had burned down to the grounddon’t give up
you still have us
don’t give up
we don’t need much of anything
don’t give up
‘cause somewhere there’s a place
where we belongrest your head
you worry too much
it’s going to be alright
when times get rough
you can fall back on us
don’t give up
please don’t give up’got to walk out of here
I can’t take anymore
going to stand on that bridge
keep my eyes down below
whatever may come
and whatever may go
that river’s flowing
that river’s flowingmoved on to another town
tried hard to settle down
for every job, so many men
so many men no-one needsdon’t give up
‘cause you have friends
don’t give up
you’re not the only one
don’t give up
no reason to be ashamed
don’t give up
you still have us
don’t give up now
we’re proud of who you are
don’t give up
you know it’s never been easy
don’t give up
‘cause I believe there’s a place
there’s a place where we belong
(“Don’t Give Up”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *