Toccare…il Fondo

Vol fondo solidarietàCon il perdurare della crisi economica sono ancora molte le famiglie del territorio che toccato il fondo non riescono a risollevare l’economia domestica: famiglie con figli, nuclei con malati gravi a carico, capifamiglia che hanno recentemente perso il posto di lavoro o ancora senza un’occupazione stabile.

Se un celebre film sentenzia che “occorre toccare il fondo per poter risalire” quanto avviene domenica 22 giugno in tutte le parrocchie della Diocesi consente davvero di poterlo fare. Quello che si chiede di toccare da vicino non è un fondo metaforico ma il Fondo di Solidarietà: un’esperienza regionale, oramai consolidata, di aiuto alle famiglie. Messo a punto dalla Ceu (la Conferenza Episcopale Umbra) nel 2009, il Fondo ha sostenuto sino ad oggi ben 1.997 nuclei famigliari con interventi  suppletivi  alle iniziative sociali in essere nel territorio.

Per i beneficiari che vogliano toccare il Fondo (quello con la “F” maiuscola), per accedere agli aiuti è sufficiente inoltrare domanda all’apposito Comitato chiedendo ausilio al proprio parroco o recandosi presso la Caritas diocesana.

Dal lato dei benefattori, in occasione della colletta di domenica 22 giugno non si chiede di dare fondo a tutte le proprie risorse. In fondo, per essere solidali con il Fondo basta davvero un piccolo gesto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *